Psicologia e sport

Tempo di lettura: 2 Minuti
psicologia e sport

Prova a pensare se un atleta, nel momento cruciale di una competizione, non riuscisse a reggere la tensione… Manifestasse “paura di vincere”… Non riuscisse a concentrarsi…

Per quanto possa essersi allenato bene, riuscirà a gareggiare al massimo delle proprie possibilità?

Lo Psicologo nello Sport

Secondo Terry (1989) la prestazione di un atleta dipende non solo dalla preparazione fisica e dall’abilità tecnica, ma anche dalla prontezza psicologica. Se i primi due aspetti sono curati da un allenatore e (quando possibile) da un preparatore atletico, sul terzo si può agire grazie all’aiuto di un professionista che abbia la formazione e le competenze adeguate.

Campi d’azione

Cei (2005) ha descritto molto bene cosa può fare uno psicologo in ambito sportivo. 

  • Definire le abilità cognitive tipiche di una situazione sportiva e identificare punti di forza e di debolezza su cui lavorare.
  • Insegnare, ad atleti e allenatori, tecniche mentali per il miglioramento della prestazione (es: goal setting, concentrazione, etc.).
  • Fornire strumenti per essere in grado di lavorare/competere in condizione di alto stress.
  • Collaborare con lo staff tecnico, atletico, sanitario e dirigenziale, dando loro feedback su come si relazionano e consigli utili al raggiungimento degli obiettivi.
  • Condurre riunioni tra atleti e/o staff all’interno della società sportiva, mediando dal punto di vista comunicativo.
  • Evidenziare eventuali problematiche psicopatologiche (es: disturbi alimentari, comportamenti antisociali), suggerendo all’atleta come superarli con l’aiuto di uno psicoterapeuta.

A queste attività si possono aggiungere altre due aree di intervento:

  • la formazione di allenatori, dirigenti e arbitri, la cui finalità è di migliorare l’apporto dello staff nella preparazione;
  • la ricerca in ambito accademico, per approfondire tematiche importanti nel lavoro “sul campo”.

Bibliografia

Cei, A. (2005). Lo psicologo dello sport nell’attività giovanile del calcio. Movimento. 21 (2), 40-58.
Terry, P. (1989). The winning mind. Wellingborough: Thorsons.

Vuoi contattarmi per informazioni o conoscermi? Compila il modulo qui sotto.

HomeChi SonoAttivitàApprofondimentiContattami

FacebookInstagramYoutube