La motivazione nello sport

Tempo di lettura: 1 Minuto
La motivazione nello sport

Si parla tanto di motivazione come elemento essenziale per ottenere qualcosa nello sport, nel lavoro o nella vita in genere, ma pochi sanno come si delinea e quali caratteristiche ha.

Come si sviluppa

Deci e Ryan (2000) sostengono che la persona è spinta ad agire in base a tre bisogni innati, primari ed universali:

  • di autonomia (decidere da solo che azioni svolgere).
  • di competenza (eseguire azioni che permettano di raggiungere risultati voluti e desiderabili). 
  • di avere soddisfacenti relazioni con gli altri.

Potremmo quindi, per esempio, iniziare spontaneamente a praticare una disciplina sportiva perché ci piace o, magari, per conoscere qualcuno e/o rafforzare dei rapporti. Per Deci e Ryan (2000) a volte, però, siamo spinti dall’ottenere gratificazioni (o evitare punizioni), come l’atleta che si impegna per compiacere i genitori. Col tempo, l’apprendimento e il raggiungimento dei primi risultati, si può sviluppare una certa padronanza delle proprie azioni. A quel punto può nascere anche la voglia di migliorarsi perché lo si vuole davvero, fino ad arrivare a provare soddisfazione personale una volta raggiunti i propri obiettivi.

Un modo per migliorarla

Quando mi trovo di fronte a casi di scarsa motivazione, il mio compito è di analizzare la situazione, capire cosa può spingere una persona ad impegnarsi, almeno inizialmente, e accompagnare le sue azioni verso quell’autonomia che porta ad impegno e maggiore soddisfazione personale. Ovviamente è un compito che varia, non si possono applicare le stesse modalità di intervento a due individui diversi. Molto, infatti, può passare non solo dalle situazioni iniziali, ma anche da altri fattori. Ad esempio, un allenatore può essere bravo ad insegnare, ma se non riesce a creare un clima positivo, ma di cui l’atleta sente il bisogno, la crescita motivazionale di quest’ultimo potrebbe essere ostacolata. Fare qualcosa sull’atleta senza considerare il contesto, in questo caso, può non essere sufficiente.

Bibliografia

Deci, E.L.; Ryan R.M. (2000), The “What” and “Why” of goal pursuits: human needs and teh Self Determination of behavior, Psychological Inquiry, 11, pp. 227-268.

Vuoi contattarmi per informazioni o conoscermi? Compila il modulo qui sotto.

HomeChi SonoAttivitàApprofondimentiContattami

FacebookInstagramYoutube